“Stefano Mazzesi con La voce dell’acqua, con disinvoltura, con l’aria da niente, manda affanculo cinquant’anni di “benemerita” narrativa (di Stato) poliziesca italiana”. Dalla “non-recensione” di Giuseppe Casa che potete leggere per intero a questo link: Questa non è una recensione

Rispondi