Racconti di cura che curano.
Compra l'ebook e aiuta gli infermieri colpiti da Covid-19

Copertina dell'ebook Racconti di cura

Racconti di cura che curano è un progetto nato da un’idea di R. Silvia Fortunato, infermiera di Bologna con le passioni della lettura e della scrittura, che abbiamo accolto a braccia aperte per due motivi.

Il primo è lo scopo benefico, perché il ricavato dalla vendita verrà devoluto al progetto della FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche) #NoiConGliInfermieri, che ha creato un fondo per aiutare gli infermieri colpiti dal coronavirus.

Il secondo è l’indubbio valore testimoniale di questa antologia, curata dalla stessa R. Silvia Fortunato. 
Scorrendo le pagine di questo ebook vi troverete catapultati nella prima linea di questa emergenza sanitaria. L’antologia, infatti, raccoglie pensieri, emozioni, esperienze di infermieri e medici di tutta Italia. 

Leggendo i brani che la compongono vi sorprenderete, come è capitato a noi editori, a piangere per la commozione, a indignarvi per la situazione in cui tanti operatori sono stati (e sono) costretti a lavorare, ad arrabbiarvi per le incomprensioni. Leggerete storie d’amore, di amicizia, di profonda umanità e dedizione professionale. 

Un diario dell’era del Covid-19 che non perderà valore col tempo perché rimarrà una straordinaria testimonianza di questo altrettanto straordinario periodo storico.

L’antologia ha potuto vedere la luce anche grazie all’associazione culturale Canto 31 di Bologna, che attraverso Serena Scandellari ha collaborato alla produzione.

Grazie anche a FNOPI e OPI (Ordine Professioni Infermieristiche) Bologna per la concessione del patrocinio.

Grazie, infine, a chi vorrà acquistare l’ebook.

Aggiornamenti

Il 28 aprile, a pochi giorni dall’uscita, abbiamo versato alla Fnopi 808 euro, ricavo delle 202 copie vendute tra il 24 e il 26 aprile.

Il 4 maggio abbiamo versato 506 euro, frutto delle 140 copie vendute tra il 27 aprile e il 3 maggio.

Più sotto nella pagina trovate le ricevute dei bonifici effettuati.

Segui la pagina Facebook "Racconti che curano"

Grazie!

Rispondi